Copywriting: l’importanza della scrittura sui social media

Pubblicato il: 28 Febbraio 2022Categorie: News0 CommentiTempo di lettura: 7,1 min

Nel nostro primo articolo sulla comunicazione sui social media abbiamo parlato di come organizzare una buona strategia di pubblicazione dei contenuti utilizzando strumenti come il piano editoriale e il calendario editoriale.

Il percorso, però, è appena cominciato e gli aspetti da tenere in considerazione sono diversi: tra gli elementi da tenere in considerazione si trova sicuramente il copywriting, che può fare enorme differenza sulle azioni dell’utente che si approccia ai nostri post per la prima volta.

Andiamo a vedere nel dettaglio cos’è il copywriting, perché risulta così importante e quali sono le strategie da adottare per catturare l’attenzione delle persone e ottenere risultati positivi in termini di visibilità.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Netflix US (@netflix)

Cos’è il copywriting e perché è importante

Dalla traduzione inglese, il copywriting è l’azione di scrivere testi a scopo pubblicitario o di marketing. Nel settore specifico dei social media, questo termine fa riferimento ai vari testi creati per accompagnare i post pubblicati online

Quando si scrive per un post non lo si fa solo con il fine di dare informazioni in merito alle proprie attività, ma perché si vuole portare l’utente a svolgere un’azione: nel caso di un content creator, ad esempio, l’intenzione sarà quella di reindirizzare le persone al proprio profilo o al proprio blog così da ampliare il numero follower e la propria community; per un’azienda, un brand o un e-commerce, invece, lo scopo potrebbe essere quello di portare l’utente al proprio sito per incrementare le vendite dei propri prodotti e/o servizi, o di trasmettere i valori e la qualità del proprio marchio.

Per far sì che il digital copywriting abbia successo, è necessario quindi riuscire a scrivere in modo da attirare l’attenzione degli utenti sulle differenti piattaforme utilizzate per la propria comunicazione: in un mondo saturo di informazioni come il nostro, sapersi distinguere attraverso le parole è fondamentale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Dior Official (@dior)

Come scrivere un copy efficace

Dopo aver chiarito qual è l’importanza di saper scrivere in modo adeguato, andiamo a vedere come scrivere un copy per i diversi social media.

Quando si scrive un testo per un post, per essere sicuri di farlo nel modo giusto, bisogna seguire delle regole base.

  • Brevità: a prescindere dal tipo di piattaforma su cui si decida di pubblicare, c’è un elemento comune a tutte ed è lo scrolling verticale. Questo metodo di visualizzazione porta le persone a scorrere velocemente tutti i contenuti presenti in bacheca senza soffermarsi per lungo tempo sui singoli post: questo fa sì che la comunicazione debba essere rapida e concisa. È quindi importante racchiudere in poche righe le informazioni che si vogliono trasmettere.
  • Impatto: per emergere sui social media è significativo trasmettere unicità ed empatia. È necessario quindi comunicare i propri valori e cercare di suscitare emozioni positive atte a far riconoscere il lettore nei propri ideali per incuriosirlo e, in seguito, fidelizzarlo.
  • Tone of voice: con l’acronimo TOV si intende il registro comunicativo con cui rivolgersi agli utenti. È importante sceglierne uno coerente con l’immagine del proprio brand, adattandolo alle necessità delle diverse piattaforme utilizzate per la comunicazione (come vedremo più avanti in questo articolo).
  • Keyword: assicurarsi che il testo contenga parole chiave rilevanti, in modo da far posizionare meglio, sui motori di ricerca interni ai vari social, i propri contenuti.

Immagine copywriting sui social media

Rifinire i dettagli: alcuni trucchi del mestiere

Per aiutarti a scrivere in modo che il copy rispetti le caratteristiche appena elencate, ti vogliamo fornire alcuni tip molto efficaci.

Una volta concluso il testo per il proprio post, per migliorarne l’estetica ed avere maggiore impatto visivo si possono aggiungere:

  • Hashtag (#): i tag selezionati devono essere in linea con il concetto espresso e con il tipo di attività svolta, cosicché si riesca ad essere trovati più facilmente in base al tipo di ricerca. Per sapere cosa sono gli hashtag e come utilizzarli al meglio, puoi trovare tutte le informazioni al riguardo in uno dei nostri articoli.
  • Emoji: queste icone sono molto utili per il social media copywriting in quanto hanno la caratteristica di aiutare a sintetizzare ed esprimere i concetti in modo rapido, diretto e d’impatto (visivo). Nel nostro blog puoi trovare un articolo in cui spieghiamo come sfruttarle al meglio.
  • Link (corti): il loro inserimento facilita le persone a raggiungere altri canali (ad esempio, il proprio sito web), ma è utile ricordarsi che anche qui non deve mancare l’attenzione all’estetica. Nel caso in cui il link dovesse risultare troppo lungo, grazie a tool come Bitly è possibile ridurre le sue dimensioni e modificare il testo a piacimento.
  • Call to Action (CTA): è una frase, spesso di chiusura, per convincere il lettore a compiere un’azione; utilizzata generalmente per reindirizzare gli utenti a visitare il proprio sito o per farsi contattare per poter avere più informazioni. 

Quelli appena elencati sono tutti piccoli accorgimenti che ti aiuteranno a fare la differenza e a spiccare rispetto a chi non li utilizza, in un mondo digitale ormai saturo di utenti in cui è davvero difficile farsi largo e riuscire a raggiungere una buona visibilità.

Come adattare i copy al proprio target di riferimento

Tra le tante cose da tenere presente nel momento in cui si scrive un copy ci sono anche il tone of voice e lo stile di scrittura. Questi due elementi devono essere adattati in base a diversi fattori:

  • Social media: ogni piattaforma ha le sue caratteristiche ed è importante adattare la scrittura in base alle peculiarità di ognuna. Su instagram, ad esempio, si utilizzano più hashtag e un tono più rilassato; su LinkedIn, invece, si utilizza uno tono formale e più informativo.
  • Argomento trattato: ogni tema deve essere affrontato con la giusta intonazione; è bene applicare più o meno sensibilità o formalità in base al contenuto che di cui si pensa di parlare.
  • Target: è fondamentale impostare il testo in base al tipo di persone a cui ci si rivolge o si vuole raggiungere, aiutandosi in certi casi con la creazione e/o analisi delle buyer personas più rilevanti per la propria attività.

Immagine digital copywriting

Prima di concludere, vogliamo darvi alcuni ultimi consigli. Un passaggio spesso dato per scontato è la rilettura del testo per controllare e sistemare eventuali errori di battitura, refusi,  ripetizioni, ma anche per la correzione di testo e punteggiatura, elementi fondamentali per rendere il testo chiaro e ben leggibile.

Ad esempio, i puntini di sospensione vanno adoperati con parsimonia, senza esagerare (e non devono essere né più né meno di tre!). Inoltre, occhio alle spaziature: prima di un segno di punteggiatura non bisogna mettere lo spazio!

Il copywriting è l’arte della comunicazione: per saper scrivere un testo sono necessarie una serie di competenze che si apprendono nel tempo e con la pratica. Ci vuole, inoltre, una buona base di conoscenze di strategie di content marketing e la capacità di coinvolgere il pubblico, oltre ad un’approfondita conoscenza dei social media.

Hai un brand o un’azienda e ti serve supporto sulla gestione dei social media? Contattaci e ti spiegheremo come fare.

Gloria Carrer

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Condividi questo post! Scegli la piattaforma:

Lascia un tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.