Ad agosto 2021, per promuovere la nuova serie di elettrodomestici da cucina, l’azienda americana LG Electronics, specializzata in apparecchiature elettroniche e di telefonia, ha introdotto una novità nella sua campagna marketing “The Upgrade”: l’utilizzo del canale Twitch. Infatti è proprio su questa piattaforma digitale che è stata trasmessa una battaglia culinaria, chiamata “LG Homestyle Challenge”, tra l’attrice Olivia Culpo e il rapper T-Pain e l’audience, in questo caso virtuale, ha potuto utilizzare gli strumenti di engagement di Twitch interagendo proprio con loro.

Fonte immagine

Recentemente, LG sta esplorando i nuovi canali multimediali per poterli integrare nella strategia di marketing per gli elettrodomestici e l’elettronica. Perché proprio la scelta della piattaforma Twitch?

Twitch è uno spazio dove si possono trovare tendenzialmente contenuti di intrattenimento e di gaming ed è perfetto per far interagire i propri utenti direttamente con i prodotti e farne capire l’uso nella vita reale. In questo caso LG ha voluto creare non solo intrattenimento per i suoi clienti, ma ha voluto anche dimostrare come cibo ed elettrodomestici possono essere usati insieme nella vita quotidiana

Twitch è una piattaforma utilizzata soprattutto per i videogame e quindi usata principalmente da Millenials e dalla Generazione Z. La strategia di LG di creare un “gioco culinario” tra due influencer è risultata vincente sia perché sono riusciti a fare leva sui consumatori più giovani, sia perché hanno attuato una strategia proprio nel linguaggio tipico di Twitch (il gaming). 

Infine, la scelta delle due celebrità non è stata casuale e insignificante, anzi. T-Pain non è solo un rapper ma ha ideato un manuale per cocktail chiamato “Can I Mix You a Drink”; Olivia Culpo invece gestisce un ristorante a Rhode Island. Cos’hanno in comune? Sono personaggi credibili perché non solo “consumano” il cibo, ma lo creano e producono un’esperienza. Ciò è esattamente ciò che LG si aspettava di creare con questa live su Twitch: dimostrare un’esperienza e vendere direttamente ai consumatori

La piattaforma di live-streaming Twitch e le sue funzionalità

Se sei un appassionato di videogiochi, probabilmente sai già come funziona questa piattaforma digitale, ma se non ne hai mai sentito parlare questo è il posto giusto per scoprirne di più. 

Twitch è una piattaforma digitale di live-streaming nata nel 2011 che permette ai vari utenti di trasmettere contenuti online e ad altri utenti (audience) di guardarli in diretta. La live-streaming può durare per 1 minuto ma anche per 8 ore (o di più). Principalmente questa piattaforma viene utilizzata da gamer per trasmettere o per guardare altri gamer giocare ai videogame, ma ci sono sempre più contenuti di altro tipo, come performance musicali, talk show, sport, viaggi e cibo

Quando guardi una live-streaming, Twitch ti mostra principalmente due schermi: in una finestra puoi vedere la visuale del monitor dello streamer, in un’altra più piccola puoi sentire e vedere direttamente lo streamer in azione. È presente anche una chat dove puoi commentare, aggiungere consigli o fare domande e ricevere una risposta in tempo reale. La diretta Twitch può essere poi salvata per essere guardata successivamente. 

Fonte immagine

Oltre ad essere una piattaforma di live-streaming, Twitch è anche un social commerce, alla pari di Instagram Shops o Facebook Shops: permette infatti ai suoi utenti di acquistare giochi o prodotti direttamente dalla piattaforma tramite un link e agli streamer di ricevere commissioni e sponsorizzare la vendita di alcuni prodotti a loro associati. 

Twitch permette infatti di guadagnare come già avviene negli altri social. Ciò che più conta è continuare a creare contenuto per coinvolgere l’audience  e quindi aumentare il numero delle iscrizioni, delle condivisioni e di sponsorship con vari brand. Come già avviene per Instagram o TikTok, è importantissimo avere un buon network e un pubblico fidelizzato, oltre alle ottime abilità di gioco o di creazione di contenuto. 

Come si può guadagnare con Twitch?

Per monetizzare su Twitch con le proprie live è necessario innanzitutto aderire ad un programma di affiliazione. La richiesta poi viene accettata da Twitch in base a vari criteri: ad esempio, si deve avere più di 50 followers che seguono il proprio canale o si deve aver trasmesso almeno 500 minuti totali negli ultimi 30 giorni. Dopo la sottoscrizione del contratto di affiliazione, l’affiliato può iniziare a guadagnare tramite diversi servizi offerti da Twitch.

La prima forma di affiliazione avviene tramite l’abbonamento al proprio canale. Infatti, chi sceglie di utilizzare Twitch come spettatore può guardare i video degli affiliati solo tramite abbonamento. Si può scegliere tra tre tipologie di abbonamento (4.99€, 9.99€ o 24.99€ al mese), ognuna delle quali dà accesso a diversi bonus speciali, come guardare le live-streaming senza pubblicità o accedere ai badge o agli emote. Lo streamer in questo caso guadagna il 50% tramite la sottoscrizione al proprio canale. Non male, no?

Esiste anche Twitch Prime, che dà l’accesso ad ulteriori giochi e contenuto di giochi esclusivi, con un abbonamento al canale bonus ogni mese senza costi aggiuntivi, una chat riservata ai membri, più spazio di archiviazione e altro. 

A proposito di emote, è così che Twitch ha chiamato i propri badge, emoticon o gif che gli utenti utilizzano nelle chat. Ogni emote ha un suo significato e una sua connotazione, come gli emoji utilizzati negli altri social. Esistono alcuni emote, denominati “globali”, che sono utilizzabili da chiunque. Lo streamer che raggiunge una certa popolarità con il suo canale può anche aggiungere degli emotes esclusivi per i suoi abbonati. Kappa, Lul, PogChamb sono alcuni esempi degli emote più popolari che si possono trovare nelle chat di Twitch. 

Altre forme di affiliazioni sono le donazioni, gli annunci pubblicitari, merchandising e i bit. Quest’ultimi sono dei “beni virtuali”, rappresentati da animazioni ed emoticon, acquistabili dagli spettatori per incoraggiare e supportare lo streamer. Il tifo consente di mostrare il proprio sostegno per un partner o affiliato, proprio come un abbonamento. In più, mentre si fa il tifo in un canale, si ottengono degli stemmi di tifo per la chat di quel canale: in questo modo viene riconosciuto il proprio supporto. L’affiliato in questo caso riceve un ricavo pari a 0,01€ per ogni bit utilizzato da uno spettatore. Il fenomeno delle microdonazioni online è molto usato nelle piattaforme social per dare sostegno ai propri personaggi preferiti, come già avviene per Twitter Tip Jar, Ko-fi, Patreon ed OnlyFans. Se sei interessato al fenomeno delle microdonazioni online, abbiamo approfondito questo tema in un articolo precedente che ti potrà essere utile. 

Fonte immagine

Twitch ha anche stretto delle partnership con alcune società di giochi, come Blizzard Entertainment e Overwatch League, per ospitare eventi di gioco e di Esport direttamente sulla piattaforma. Su Twitch il confine tra Sport ed esport è sempre più sottile e lo conferma la nuova categoria dedicata agli eventi sportivi, per cui è possibile guardare contenuti in streaming non solo provenienti dalla Premiere League di calcio ma anche dalla NHL (hockey), del RFL (rugby), del circuito UFC (arti marziali) e della lega del calcio femminile (NWSL). 

Per restare aggiornato sulle ultime novità digitali, continua a seguirci! 😊 Potrai trovare degli spunti per le tue strategie di marketing digitale e noi di LGC Web Agency saremo pronti a supportarti in questo percorso! Resta sintonizzato!