Oramai siamo agli sgoccioli di un’estate all’insegna dello sport. Dopo essere stati rinviati di un anno a causa del virus Covid-19, si sono infatti svolti due degli eventi sportivi più importanti e commerciabili al mondo: gli Europei di calcio #EURO2020 e i Giochi Olimpici #TOKYO2020. Entrambi hanno avuto un audience del tutto rilevante grazie alle sponsorizzazioni concluse, rispettivamente, con la piattaforma di intrattenimento digitale TikTok e la piattaforma di streaming Discovery.

TUTTI I GOAL RAGGIUNTI DA TIKTOK

Partiamo da TikTok, l’app video in formato breve di proprietà di ByteDance. Dopo aver spopolato in Cina e negli Stati Uniti, aveva bisogno di farsi strada in Europa e quale miglior occasione di Euro 2020 per stringere una partnership in grado di riempire il vuoto negli stadi e di creare contenuti eccitanti, interattivi e coinvolgenti?  Effetti di realtà aumentata (AR), sticker in sovrimpressione sul video, sfide hashtag, TikTok Lives and Sounds, dietro le quinte, nonché filmati attuali e d’archivio della UEFA sono stati i protagonisti di questo importante evento calcistico.

Qualche ora prima dell’ufficialità di Global Sponsor, sul social cinese è apparso l’account ufficiale di EURO 2020 verificato nel giro di pochi minuti, insieme al lancio di un video accompagnato dall’hashtag #TikTokEURO2020 in cui si chiedeva agli utenti di proporre tra i commenti il nuovo slogan della competizione. Questo video ha generato più di 6 milioni di visualizzazioni e 160.000 interazioni segnando un incremento del 145% rispetto alla media dei post sul canale ufficiale della UEFA nello stesso mese.

L’account TikTok Euro2020 durante il torneo ha raggiunto 5.5 milioni di follower e oltre 80 milioni di like, raggiungendo numeri impressionanti nella giornata della Finale, lo scorso 11 luglio: un engagement pari a 8 milioni, un reach potenziale di 132 miliardi e 696.400 autori di post. Dati straordinari che hanno segnato l’inizio di un modo nuovo di interagire con il calcio.

TUTTE LE MEDAGLIE VINTE DA DISCOVERY+ 

Per quanto riguarda Discovery, il canale statunitense di pay-TV ha acquistato i diritti televisivi europei per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020 e ha trasmesso oltre tre mila ore live durante i 17 giorni di competizione in 30 canali diversi dedicati a tutte le 48 discipline e a tutti i 339 eventi previsti, dall’inizio alla fine della premiazione, senza interruzioni.

La piattaforma di streaming OTT del gruppo, Discovery+, ha reso possibile seguire l’intera edizione on demand fornendo così la possibilità per lo spettatore di vedere dove e quando voleva ogni singolo evento. Questa modalità ha quindi permesso all’azienda di raggiungere un numero record pari a 17 milioni di persone iscritte in abbonamento al servizio, ha affermato che i dati di visualizzazione sono stati superiori del 10% rispetto a quelli raggiunti durante i Giochi invernali di Pyeongchang del 2018 e ha contribuito ad aumentare i ricavi trimestrali del 21% a oltre 3 miliardi di dollari (2,6 miliardi di euro), come riportato da The Guardian.

Per due eventi sportivi di maggior calibro come quelli appena conclusi, i social network hanno costituito dei punti di riferimento di importante rilievo: segnale che ormai nulla può fermare la rivoluzione che questi hanno portato nella nostra generazione e che saranno sempre più protagonisti della quotidianità per le generazioni future.

Social e sport sono un binomio sempre più affermato: se sei un atleta o un’associazione sportiva affidati al team di comunicazione LGC Web Agency per gestire le tue pagine e alzare la coppa social!